Gradara: capitale del Medioevo e dell’amore

Gradara, borgo medievale tra i più belli d’Italia, evoca una delle storie d’amore più famose e tormentate, quella di Paolo e Francesca. Passeggiando per le vie di questa antica città si respira lo struggente sapore di una vicenda antica quanto il poeta che l’ha narrata, Dante Alighieri. L’Inferno il destino dei due amanti colpevoli d’amore e tradimento.

Dalla leggenda ai nostri giorni

Così il Borgo che ha ospitato il Canto dantesco, è diventato il Borgo dell’amore, splendida meta per gli innamorati. Merita in ogni caso di essere visitato, oltre che per la poesia che racchiude, per la bellezza dei paesaggi e il pregio della struttura urbanistica medievale tra le meglio conservate d’Italia.

È un luogo ricco di storia, capace di suscitare emozioni uniche e irripetibili: è possibile passeggiare sia all’interno del castello, sia sulle mura merlate, ma anche sul ponte levatoio e nell’elegante cortile. Le sale interne del castello ricordano gli splendori delle potenti famiglie che qui hanno governato: Malatesta, Sforza, Della Rovere e Mosca.

E’ visitabile dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 18.30; il lunedì dalle 8.30 alle 12.30. Il costo della visita è di 8 euro. È possibile prenotare la visita guidata attraverso il form del sito ufficiale a questo link https://www.gradara.org/prenota-gradara/

E per ripassare la tragica storia di Paolo e Francesca, sono disponibili le guide all’interno del castello. Te li ricordi? Si studiava la loro triste avventura al liceo, durante le lezioni sulla Divina Commedia. Se eri in bagno mentre la Prof. spiegava, o se hai preso 3 al compito in classe, ti consiglio di fartela raccontare di nuovo.

Il Castello

Gradara è conosciuta soprattutto per la sua storica Rocca malatestiana, che assieme al borgo fortificato e alla cinta muraria rappresentano un caratteristico esempio di architettura medievale recuperata grazie al restauro realizzato all’inizio del XX secolo. La prima costruzione del XII secolo prese il via per volere di Pietro e Ridolfo De Grifo che usurparono la zona al comune di Pesaro. La doppia cinta muraria e i tre ponti levatoi la resero pressoché inespugnabile. La Roccaforte si erge sul colle (142 m sul livello del mare) al confine tra Marche ed Emilia Romagna in una posizione strategica e con una vista mozzafiato. Secondo la leggenda, in esso trovarono la morte Paolo Malatesta e Francesca da Polenta, uccisi per gelosia dal fratello di Paolo, Gianciotto Malatesta nel settembre del 1289.

Il Borgo di Gradara

Il piccolo paese di Gradara è raccolto fra la prima e la seconda cinta di mura. Dopo i Malatesta arrivarono gli Sforza, poi nel 1494, appena quattordicenne, Lucrezia Borgia, seconda moglie di Giovanni Sforza costretta a separarsi dal marito per assecondare gli intrighi e i giochi di potere del padre, papa Alessandro VI. Dopo un breve periodo di dominazione del fratello di Lucrezia, Cesare Borgia detto il Valentino, arrivarono i Della Rovere. Molte le altre famiglie nobili che si avvicendarono nel tempo al comando della città. Merita particolare menzione: il marchese Mosca di Pesaro che l’amministrò nella seconda metà del 1700, con grande dedizione e fu sepolto nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni Battista – anch’essa gioiello architettonico da visitare –, situata entro la seconda cinta di mura. Infine la Rocca, dopo esser divenuta proprietà comunale, fu ceduta, nel 1920 all’Ing. Umberto Zanvettori che la comperò per tre milioni di lire segnandone la rinascita. Per organizzare e realizzare l’ultimo restauro chiamò architetti di fama come Ferrari e Giovannoni che ne recuperarono le caratteristiche del luogo in armonia coi lavori già compiuti quattro secoli prima da Giovanni Sforza.

Amor, ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, Canto V

A passeggio per Gradara

Gradara è un posto davvero delizioso, ho avuto il piacere di visitarlo più di una volta. Solitamente è preso d’assalto dai turisti: in seguito a una mia precedente visita (2019), lo ricordavo pieno di gente. A primavera inoltrata, ho scelto Gradara come primissima gita fuori porta, dopo la fine delle limitazioni alla circolazione imposte a causa dell’emergenza sanitaria. Ho trovato le strade deserte e grazie all’assenza dei turisti, mi sono concessa un’insolita calma per godermi questo spettacolare luogo che mi è apparso nella sua reale magia. Da Bologna, si esce dall’autostrada a Rimini Sud e si prosegue per Gradara. L’idea era quella di passeggiare finché non ci veniva fame.

Nel borgo rivivono i fasti del 1200. Il visitatore si immerge totalmente in questa atmosfera medievale tra negozietti di souvenir travestiti da antiche locande, e gabbie di ferro per torture allestite per il divertimento di bambini e adulti che si fanno fotografare all’interno di questi strumenti di supplizio.

Il borgo si sviluppa da una strada centrale che porta su fino alla rocca, dalla quale si snodano diverse stradine e vicoletti. Il borghetto è davvero una bomboniera tenuta come un gioiello. Attenzione, però la strada per il castello è in salita e il pavimento di sampietrini è sdrucciolevole. E’ sconsigliabile percorrerlo coi tacchi. Per me è stata un’impresa difficile non finire in fondo alla strada, considerando anche la mangiata fatta poco prima!

Dove mangiare

Attualmente, a causa delle regolamentazioni imposte ai ristoranti per il contenimento del Covid, molte delle trattorie del borgo sono chiuse o effettuano solo servizio a domicilio (per i residenti) o da asporto. Posso però ugualmente consigliarti un buon locale in cui sono stata spesso. Si chiama Il Mastin Vecchio: si distingue non solo per la strabiliante location, ma anche per la gustosità dei piatti e la cortesia del personale. Si trova in un antico palazzo del centro. Qui puoi gustare un menù di carne all’altezza dei suoi estimatori più esigenti. Nelle giornate di sole e durante la bella stagione è stupendo mangiare nella terrazza all’aperto dove puoi godere di una splendida vista sugli smerli delle mura. Eccellente anche la scelta dei vini.

Questo locale mi ha lasciato uno splendido ricordo e mi sento davvero tranquilla nel consigliartelo, ti troverai bene. Elegante ma non eccessivamente snob. Ottimo il servizio e prezzo equilibrato. Il Mastin Vecchio si trova in via Dante Alighieri 5, all’interno del borgo di Gradara, il cui accesso è solo pedonale.

Per i palati più rustici, fuori dalle mura vi sono diversi food truck, che fanno piadine e crescioni espressi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao! Sono Lety

Lety goes on

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget

Articoli in rilievo

gradara-capitale-medioevo-amore-001-letygoeson
santarcangelo-di-romagna-1-letygoeson
un-giorno-a-mostar-bosnia-2-letygoeson
croazia-in-6-giorni-2-letygoeson
dieci-cose-da-fare-a-lisbona2-letygoeson

Calendario dei Post

Giugno: 2020
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

I miei Tour, prenota con un click!

tour a piedi in centro a bologna Bologna tour guidato con degustazione Bologna, pranzo a casa di una sfoglina gita privata in Val d'Orcia visita sirmione motoscafo

Adsense

error: Content is protected !!