Perchè è importante il turismo enogastronomico

da 18, Nov, 2021Food

Che l’ottimo cibo possa rivaleggiare con monumenti, musei, clima e vita notturna come attrazione di viaggio è una teoria ormai comprovata. Non solo le Nazioni Unite considerano il cibo un “bene culturale immateriale” ma il contesto gastronomico di una tale destinazione ne aumenta effettivamente l’attrattiva e la competitività per gli stessi viaggiatori.

Ogni tipo di viaggiatore, in solitaria, di coppia, avventuriero e rilassato, mangia. Poche cose sono più semplici e universali del cibo che cattura fin dal primo assaggio l’unicità di una destinazione!

Il turismo enogastronomico include la ricerca attiva di esperienze legate al gusto uniche e memorabili, nonché esperienze agrituristiche che collegano ciò che viene coltivato e prodotto in un’area a ciò che viene preparato e apprezzato dalla gente del posto a tavola.

Il buon cibo serve a connettere le persone tra di loro e con la natura, il suo patrimonio sia nella propria città che in una destinazione di viaggio. È un canale diversificato e dinamico per condividere storie, creare relazioni e costruire comunità. Combinando cibo e bevande locali con i viaggi, il turismo enogastronomico offre sia ai locali che ai visitatori un assaggio autentico del luogo, contribuendo allo stesso tempo alla crescita di un’economia sostenibile e allo sviluppo locale.

Come ben saprai, i viaggi che più amo sono quelli dove le esperienze locali culturali e alimentari si equivalgono e sono sempre alla ricerca di nuovi posti belli da visitare e buoni da gustare.

Credits foto: @Pastakira – Manuel Cavallina
Questo blogpost contiene link affiliati

Il turista enogastronomico è dentro ognuno di noi

Il profilo del turista è mutato negli ultimi tempi, non solo è più colto rispetto al passato ma più attento all’itinerario che sta programmando, che riserva un occhio speciale all’offerta gastronomica che la meta può offrire.

L’Italia si distingue da sempre nel panorama gastronomico potendo vantare di ben 176 prodotti gastronomici con denominazione di origine riconosciute a livello comunitario, più di 4300 specialità tradizionali censite dalle Regioni e 477 i vini DOC. Possiamo affermare che siamo il Paese ideale per il turismo enogastronomico le cui statistiche di apprezzamento sono in costante crescita e che ha reso il Nostro Paese la destinazione turistica ideale dei buongustai di tutto il mondo!

Oggi ci piace viaggiare bene, siamo alla ricerca di nuove esperienze, interessati a prendere parte a uno stile di vita sano e desideriamo sperimentare l’autentica cultura locale quando viaggiamo.

Il turismo enogastronomico post pandemia

Nell’ultimo anno i viaggi in Italia sono stati una eccellente e mai deludente scelta obbligata, che ci ha fatto riscoprire il nostro Paese da punti di vista inediti.

La pandemia ha cambiato il panorama turistico con la richiesta sempre più importante di godersi le attività all’aria aperta che quindi ha spinto i viaggiatori a preferire sistemazioni come agriturismi o relais di campagna, con una ricerca di soluzioni innovative come case sull’albero e Glamping eco sostenibili e strutture ricettive a con produzioni gastronomiche proprie.

I percorsi enogastronomici permettono la scoperta di località meno famose e quindi meno battute dal turismo di massa che, soprattutto post pandemia, è stato un fattore determinante nella scelta di molti viaggiatori. La presenza di un’offerta che valorizza i cibi tipici locali appare sempre più decisiva, ancora meglio quando l’ospite viene messo al centro della produzione, partecipando alle attività quotidiane dell’azienda agricola.

Anche il turismo di prossimità, come per esempio le visite in giornata di luoghi dentro la propria Regione, hanno consentito di valorizzare i luoghi meno conosciuti, a due passi da casa, con ampi spazi all’aperto, percorsi ed esperienze naturalistiche, culturali, e gastronomiche come ad esempio corsi di cucina, tour di vigneti, cantine e degustazioni di vini, tour di birrifici artigianali, visite a prosciuttifici o acetaie, esplorazioni di fattorie e produttori artigianali di prodotti tipici unendo quindi il benessere fisico a quello a tavola.

 

Il turismo enogastronomico sostenibile

Il turismo enogastronomico può svolgere un ruolo significativo nella conservazione del patrimonio locale, basandosi sulle risorse turistiche esistenti e guidando l’innovazione. Aumentando la domanda dei visitatori di cibo e bevande locali, il turismo enogastronomico contribuisce alla sostenibilità a lungo termine dell’agricoltura, dei sistemi alimentari, delle comunità e della cultura autoctona. Inoltre, questo tipo di turismo promuove la conoscenza, la divulgazione e facilita il dialogo.
Queste esperienze ispirano anche pratiche che si spingono al di là del contesto immediato e offrono strumenti generalmente applicabili per un consumo sostenibile che i viaggiatori possono portare a casa con sé.

Negli ultimi anni, il turismo enogastronomico ha guadagnato popolarità con velocità crescente mettendo la cucina sul palcoscenico come principale, e talvolta unica, ragione per cui molti viaggiatori scelgono la loro destinazione.

Inoltre, supporta anche e soprattutto le piccole realtà locali contribuendo alla crescita della consapevolezza della comunità e la conservazione delle tradizioni culinarie locali, di conseguenza attrae viaggiatori più sostenibili, rispettosi ed istruiti.

Prenota un tour enogastronomico

​Partecipare ad un’esperienza enogastronomica è un modo semplice per godersi la parte più autentica che il viaggio ti possa offrire.  

Ecco alcune idee di tour enogastronomici in giro per l’Italia che ti consiglio:

 

 

BOLOGNA, TOUR ENOGASTRONOMICO

Durata: 3 ore, Prezzo: 89€

FIRENZE: SAPORI DEL CHIANTI

Durata: 5 ore, Prezzo: 48€

NAPOLI: STREET FOOD TOUR A PIEDI

Durata: 3 ore, Prezzo: 48€

BOLOGNA, DEGUSTAZIONE DI VINI IN UNA DELLE PIÙ ANTICHE LOCANDE

Durata: 3 ore, Prezzo: 55€

WINE EXPERIENCE SUI COLLI BOLOGNESI

Durata: 8 ore, Prezzo: 227€

BOLOGNA, PRANZO A CASA DI UNA SFOGLINA

Durata: 3 ore, Prezzo: 87€

TOUR GASTRONOMICO DELL'EMILIA

Durata: 7 ore, Prezzo: 257€

PESTO EXPERIENCE E COOKING CLASS

Durata: 3 ore, Prezzo: 75€

BOLOGNA, COCKTAIL TOUR A PIEDI

Durata: 3 ore, Prezzo: 87€

Vuoi chiedermi un consiglio, raccontarmi le tue opinioni, suggerirmi qualcosa da fare o vedere o più semplicemente…salutarmi?

Lasciamo un commento qui sotto oppure,

ti aspetto sulla mia pagina FACEBOOK  LETYGOESON

e sul profilo INSTAGRAM @letygoeson

Ci vediamo lì!

 

 

Go on traveling!

Lety goes on

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao! Sono Lety

Lety goes on

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget

Follow me on Bloglovin’

Follow

Articoli in rilievo

santarcangelo-di-romagna-1-letygoeson
un-giorno-a-mostar-bosnia-2-letygoeson
croazia-in-6-giorni-2-letygoeson
dieci-cose-da-fare-a-lisbona2-letygoeson

I miei Tour, prenota con un click!

tour a piedi in centro a bologna Bologna tour guidato con degustazione Bologna, pranzo a casa di una sfoglina gita privata in Val d'Orcia visita sirmione motoscafo

Iscriviti ad Amazon Prime

Amazon Music

Adsense

error: Content is protected !!